10-curcio

Curcio – Storie di grani

L’azienda Curcio è custode del grano antico varietà Bidì grazie all’affidamento dei semi da parte dell’Istituto di Granicultura di Caltagirone, dove hanno dimora i “germoplasmi” di tutte le antiche varietà di grano siciliano.

I grani antichi siciliani hanno naturalmente un basso indice di glutine e mantengono la loro millenaria integrità.

Alla coltivazione del nostro grano applichiamo i principi dell’agricoltura bioetica senza l’uso di alcuna sostanza chimica o di sintesi. La semina viene effettuata a metà novembre su terreni arati profondi con una semplice seminatrice meccanica che distribuisce i semi uniformemente sul terreno.

 

LA BIDI’

Il grano che coltiviamo con cura e passione nei campi della nostra azienda agricola è dell’antica e rara varieta’ chiamata Bidi. Un grano siciliano, dal fusto alto e dalla grande spiga con le areste nere. In origine era una varietà dei campi della vicina Tunisia, fino a quando il professor Tucci non lo ha importato in Sicilia, dove il Bidì si è ambientato a meraviglia, acquisendo caratteristiche tutte sue che oggi ne fanno un grano tipico dell’Isola.

Emanuele De Cillis, studioso dell’agricoltura siciliana, nel suo volume I grani d’Italia del 1927 attribuisce al Bidì anche una parentela con il grano Senatore Cappelli, di cui sarebbe il progenitore.